logotipo Il Casone

MAGAZINE > ARCHIVIO > CORPI MACCHINE PIANTE, TENTATIVI DI REALTÀ. ...

31.01.2012 | Interviste

CORPI MACCHINE PIANTE, TENTATIVI DI REALTÀ. Intervista a Giacomo Cossio




intervista cossio

Le opere di Giacomo Cossio sono installazioni, ritratti, sculture in cui la dimensione materica è portata a volte all’esasperazione, nel tentativo di rappresentare la realtà delle cose, intesa come oggetti che riprendono forma sollecitati dalla memoria personale e collettiva. Ce ne parla in questa intervista, in occasione della mostra
in corso a Budrio dal 29 gennaio al 20 febbraio.

Nelle tue opere c’è sempre una forte componente materica. Da cosa deriva?
Nasce dal fatto che mi interessano questi aspetti, come la texture, la forma delle cose, la tridimensionalità. Le mie opere nascono sempre da una forte volontà figurativa, che mi porta a scegliere anche mezzi e oggetti che potrebbero sembrare “bizzarri”. Nelle mie opere non esiste altra realtà se non quella che ci circonda, concretamente.

Qual è il tuo rapporto con il presente e come lo traduci nelle opere che realizzi?
Il mio rapporto con la realtà non nasce da un obiettivo programmatico ma dal desiderio di entrare in contatto con il presente, in maniera totale. Anche per questo motivo il tema delle mie rappresentazioni cambia frequentemente: piante, macchine, pianoforti, giardini, condomini, stanze, esseri umani. Il punto di partenza è sempre la quotidianità e il rapporto diretto con le cose. Mi interessa la realtà concreta, su cui posso agire direttamente. Perciò lavoro su ciò che mi circonda, anche nella quotidianità. Ritaglio, fotografo, decompongo e ricompongo questi aggetti, finché prendono quella forma e quell’espressione più vicine al mio modo di percepirli.


intervista cossio

Le tue opere nascono dall’assemblaggio di vari elementi. Sembrano non avere un aspetto definitivo…
Sì, è un tentativo di andare oltre i limiti, le scadenze, le definizioni che ci circondano, per riscoprire quell’aspetto libero, gratuito dell’arte che spesso si rischia di perdere, influenzati dalle regole del mercato. Contemporaneamente questo assemblaggio di oggetti è lo specchio del mio modo, assolutamente soggettivo,
di percepirli; un modo fatto di confusione, dubbi, visioni in continuo divenire.

Mostra Giacomo Cossio - tre vasi


Corpi Piante Macchine, tentativi di realtà, opere di Giacomo Cossio
Le Torri dell’Acqua,
Via Benni 1 - Budrio (Bo)

www.letorridellacqua.it

Mostra realizzata con il contributo di Il Casone
28 gennaio > 20 febbraio 2012